Percorso dei Gigli

– Il Percorso –

 

Mattina

  1 – Arrivo in piazza Duomo 

Pomeriggio

  2 – Uscita piazza Duomo

  3 – Via S.felice – girata caparossa

  4 – Santa Maria la nova

  5 – O’  vico de munacelle

  6 – For o llarghe (p.  P. Maggio)

  7 – A girata de carcere

  8 – O’ pesalo alpino

  9 – Abbasce o’ Salvatore

10 – Via S. Paolino

11 – O’ palazzo a catena

12 – O’ vico e piciocchi

 
1) La mattina in piazza

E’ la prima esibizione della giornata. e’ il primo test con il quale si riesce a capire le condizioni della paranza e del giglio che trasporta.E’ importante iniziare bene ma il pomeriggio… è tutt’altra musica.

 

le glorie : Ci sentiamo di ricordare sopratutto la “piazza” della paranza di Erasmo Leone che tra gli anni 70 e 90 si esibiva nella cosi’ detta “spalletta” dei quattro lati. Grande forza  ma sopratutto la coordinazione ne esaltava l’esibizione.

 

I tonfi : … troppi

 
2) Uscita della piazza: 

Dal posto di sosta pomeridiano si arriva all’imbocco di via S.felice. E’ il primo vero atto di forza… è iniziato il percorso   Fanno sfoggio le nuove magliette pomeridiane delle paranze. Al quadrivio si contano le prime girate.

 

le glorie : La Trinchese nel 1999 ,alzata di forza dal proprio posto già’ con “1” a “varretiello” e va a girare direttamente “a’ caparossa”.

 

I tonfi : La stessa Trinchese nel 1999 ma la domenica prima (la festa che fù’ rinviata per pioggia) stessa “cacciata” …diverso risultato.

3) Via S.felice e girata Caparossa  

Via San felice e’ particolarmente stretta ,I “varrielli” si stringono .. iniziano i primi guai. Si arriva alla girata di caparossa , la girata è d’ obbligo, visto che ormai  non e’ particolarmente difficile, oggi quello che conta e’ lo stile….  per chi ne ha.

 

le glorie : Castagnini 1991, per la prima volta ,con una sola alzata tutta via s.Felice piu’ la girata di caparossa in una ottima interpretazione. Stella 1997, stessa cacciata di castagnini 91 ma questa volta fatta a “cul’ arrete” .  Le girate, si ricordano nel 1994 le 3 consecutive di Trinchese e subito dopo le 4 dei Volontari .

 

I tonfi : …prossimamente

 
4) Santa Maria la nova: 

Finalmente… un po’ di largo,  è il momento dello shoow ,sopratutto si gira, o si da’ libero sfogo alla propria esibizione , forza permettendo…

 

le glorie :  …prossimamente 

 

I tonfi :     …prossimamente

5) O’ vico de munacelle: 

Vicoletto lungo e stretto. Forza e precisione sono indispensabili per evitare che nel tratto finale i poveri “varrielli ” si possano incastrare tra le mura non del tutto amiche.

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :   …prossimamente

6) For’ ò llargo (piazza paolo maggio): 

glorioso luogo ove una volta si vedevano le migliori performance, forse anche grazie ad una  giuria rionale. Oggi purtroppo …è solo luogo di passaggio.

 

le glorie :   …prossimamente

 

I tonfi :   …prossimamente

7) A girata de carcere: 

si arriva al dunque…. è la girata per antonomasia. Senza tecnica e precisione, ahimè, si c’incastra nel muro. Un muro adeguatamente imbiancato di calce, per rilevare ogni eventuale minimo impatto con le barre.

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente

8) O’  pesal’ alpino: 

Dopo le carceri … un atto di forza …ò pesalo alpino . Una ripida salita e subito dopo  una stretta curva in discesa.E qui anche le più forti se la vedono brutta.

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente

9) O’ salvatore: 

Mitico luogo ove purtroppo solo una volta grazie alla presenza di una giuria rionale, la paranza si esibiva in un vero show . Ora purtroppo usciti stremati da o’ pesalo alpino  è quasi diventato un posto di riposo, ma… non per le grandi !  ancora una volta intende a lasciare il proprio sigillo!.

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente

10) Via S.Paolino:

Finalmente una strada dritta e larga,  i varrielli si possono esprimere al meglio.

Lungo la strada si propongono diverse girate , è l’ atto finale ove si sprecano quasi fino all’ ultimo tutte le proprie energie residue. Alla fine, è in questa strada,  che da diversi anni,  si ipoteca la vittoria finale , dimostrando  la propria compattezza ma sopratutto … la propria forza.  

  

le glorie :   …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente

11) O’ palazzo a catena: 

La piazzetta, è come per un maratoneta gli ultimi cento metri, è l’ ultima esibizione a paranza “chiena” . La performance  è d’ obbligo , ma… qualsiasi cosa si fà, L’ occhio si posa là , ncoppo ò vico e piciocchi, paure e speranze, gioie e dolori si susseguono.  “ò vico” può  regalare a tutti l’ utima grande emozione , si spera quella buona…

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente

12) O’ vico e piciocchi: 

L’ ultima sfida a inizio … il giglio si posa all’ imbocco del mitico vico, cosi’ stretto che sembra impossibile per un giglio attraversarlo. Via i varrielli laterali, non ci entrerebbero mai, neppure le spalle esterne dei cullatori delle barre anteriori e posteriori riescono a passare, quindi : < e destri vanne a sinistra e sinistre vanne a destra >. Quando il giglio si alzerà’ l’equilibrio sarà  seriamente messo in discussione, e la folla, dopo una trepida attesa, regalerà scroscianti applausi a al giglio che ne uscirà dritto, è la medaglia finale … quella che forse, vale piu’ di tutte.

 

le glorie :  …prossimamente

 

I tonfi :  …prossimamente